L’ipotiroidismo è una patologia caratterizzata da una insufficiente secrezioni di ormoni tiroidei da parte della tiroide. Le cause possono essere molteplici; persone sottoposte a radioterapia, affette da malattie metaboliche, con carenza o eccesso di iodio o che presentano lesioni dell’ipotalamo.

La tiroide è una ghiandola posta alla base del collo in grado di secernere due importanti ormoni: la Tiroxina (T4), prodotta per l’80%,  e la Triiodotironina o Liotironina (T3), prodotta per il restante 20%. La forma attiva è in realtà solo il T3, mentre il T4, per essere attivo, dovrà necessariamente essere convertito a T3. La tiroide secerne questi ormoni sotto stimolo del TSH (Ormone Tireostimolante) secreto a sua volta dalla ghiandola ipofisaria. Gli ormoni tiroidei sono essenziali per il controllo di numerose attività del nostro organismo, tra le quali l’accrescimento corporeo, lo sviluppo del sistema nervoso centrale e il controllo di numerose funzioni metaboliche, dalla termogenesi alla lipolisi, dal metabolismo glucidico alla sintesi proteica.

La Tiroide Secca è nient’altro che un estratto essiccato e polverizzato di ghiandola tiroidea spesso derivata dal maiale. Questo estratto viene sfruttato a scopo medico-farmacologico in quanto fonte di ormoni bioidentici, ovvero ormoni (molecole) con struttura ed attività identica a quelli naturalmente presenti nel nostro organismo. Da qualche anno perciò si è iniziato a sfruttare questo estratto nella Terapia Ormonale Sostitutiva (TOS).

Nella Tiroide Secca dunque troviamo all’interno gli stessi ormoni tiroidei umani T3 e T4. A differenza della Levotiroxina Sodica, meglio conosciuta in Italia con il nome di Eutirox, che è essenzialmente ormone T4 sintetico, la Tiroide Secca contiene al suo interno entrambi gli ormoni, sia la forma non attiva, che deve poi essere convertita a T4, che la forma già attiva T3.

In realtà, nella Farmacopea Ufficiale Italiana già intorno agli anni ’80 era presente questo farmaco, accantonato poi nelle edizioni successive dai farmaci di sintesi che noi tutti oggi conosciamo. Fino a qualche anno fa era commercializzata anche la Tiroide IBSA, un farmaco contenente a sua volta sia l’ormone T4 che l’ormone T3 di origine sintetica, ma ad oggi non è più disponibile.

Attualmente, il solo modo per ottenere un Farmaco a base di Tiroide Secca in Italia è affidarsi ai Laboratori Galenici di alcune Farmacie Specializzate, in grado di importare la materia prima pura e standardizzata dall’America (Tiroide Secca USP, conforme a Farmacopea Americana). Si tratta dell’unica materia prima di grado farmaceutico utilizzabile per l’allestimento di Farmaci Galenici Magistrali personalizzati, con dosaggio cioè ad hoc per il singolo paziente, stabiliti dal medico specialista.

Il titolo in Principi Attivi dell’estratto di Tiroide Secca USP espresso in µg/grain deve obbligatoriamente rientrare in determinati limiti dettati dalla Farmacopea:

Thyreoidum USP (Fagron):

  • Liotironina (T3): 8,1 – 9,9 µg/grain
  • Levotiroxina (T4): 34,2 -41,8 µg/grain

Il vantaggio della preparazione galenica in farmacia per il paziente è indiscutibile:

  • personalizzazione del dosaggio (20-65-90 mg di Tiroide Secca….)
  • personalizzazione dalla forma farmaceutica (capsule, compresse, sciroppo…..)
  • possibilità di variare gli eccipienti (senza lattosio, senza saccarosio…..)
  • possibilità di allestire un numero di dosi conformi alla durata della terapia evitando inutili sprechi.

L’unico reale svantaggio è il costo che purtroppo rimane a carico del paziente a differenza della specialità medicinale Eutirox che è rimborsata dal Servizio Sanitario Nazionale.

La Tiroide Secca inizia ad avere i suoi effetti in modo lento (qualche giorno) e deve essere assunta quotidianamente in modo puntuale dal paziente, possibilmente alla mattina a stomaco vuoto.

Una preparazione galenica di Tiroide Secca può risultare una possibilità terapeutica di enorme importanza per tutti quei pazienti affetti da ipotiroidismo che non sono stati in grado di trovare la giusta cura con l’utilizzo delle consuete specialità medicinali ad oggi in commercio in Italia. I sintomi dell’ipotiroidismo sono molteplici, e questo è prevedibile, considerato il ventaglio di azioni esplicate dagli ormoni tiroidei nel nel nostro organismo:

  • fatica
  • aumento della sensibilità al freddo
  • stitichezza
  • pelle secca
  • aumento di peso
  • viso gonfio
  • raucedine (abbassamento della voce)
  • debolezza e dolori muscolari
  • rigidità, gonfiore o dolore alle articolazioni
  • elevati livelli di colesterolo nel sangue (ipercolesterolemia)
  • ciclo mestruale irregolare
  • perdita dei capelli
  • rallentamento del battito del cuore (bradicardia)
  • depressione
  • alterazioni della memoria
  • accumulo di molecole e liquidi nei tessuti (mixedema), causato dalla riduzione del loro metabolismo.

Bisogna tuttavia ricordare che la Tiroide Secca è a tutti gli effetti un Farmaco e come tale può avere degli effetti avversi anche gravi se utilizzato alle dosi sbagliate. Tra questi, i principali sono:

  • tachicardia
  • aumento della temperatura corporea
  • debolezza fisica
  • dolori muscolari
  • sete
  • nausea e vomito
  • diarrea

Esempi di dosaggio di Tiroide Secca USP da sostituire al farmaco con il quale il paziente è attualmente in cura, previo consulto medico:

Nell’ipotesi di avere un estratto con titolo in T3 di 9,2 µg/grain e in T4 di 40,9 µg/grain, in cui 1 grammo corrisponde a 15,43 grain, cioè T3=141,95 µg/g e T4=631,08 µg/g. Questo significa che ogni grammo di estratto di Tiroide Secca (1000 mg) contiene 141,95 µg di T3 e 631,08 µg di T4.

 

 

Facciamo un esempio di un paziente in terapia con Eutirox 25 µg:

La dose di Tiroide Secca da allestire sarà 25 µg x 1000 mg / 631,08 µg = 39,61 mg di Tiroide Secca per capsula/compressa.

  • 25 µg di Levotiroxina sodica o T4 di sintesi (Eutirox da 25) sono contenuti in 39,61 mg di Tiroide Secca USP titolata a 631,08 µg/g.

La prescrizione di un Farmaco Galenico Magistrale a base di Tiroide Secca può essere redatta da un qualsiasi medico abilitato ed iscritto al proprio albo professionale. La ricetta ha una validità di 6 mesi ed una ripetibilità fino a 10 confezioni.

La Tiroide Secca, ma più in generale ogni terapia con Ormoni Bioidentici, può essere senza dubbio considerata come un’alternativa terapeutica di efficacia e sicurezza ormai comprovate, con l’enorme vantaggio dettato dalla possibilità di personalizzare la terapia farmacologica per tutti quei pazienti che soffrono di squlibri ormonali.

Dottor Nicola Magossi

Bibliografia essenziale:

  • www.ISSalute.it: Istituto Superiore di Sanità
  • www.fagron.it
  • www.farmagalenica.it